4 modi di ottenere una Indulgenza Plenaria durante questa Quaresima

Non molti sanno che il periodo quaresimale possa essere un’opportunità per noi cattolici di ottenere indulgenze plenarie.

Ricordiamo qui che una indulgenza plenario è la remissione temporale dei propri peccati dinanzi a Dio. Inoltre, l’indulgenza, sia essa plenaria o parziale la su uò chiedere per se stessi o per l’anima di un defunto ma mai per una persona ancora in vita. Va ricordato anche che si può ottenere solamente una indulgenza plenaria al giorno.

Ecco 4 semplici passi da seguire per ottenerla:

Il primo modo di ottenere una indulgenza plenaria è quello di seguire la Via Crucis dove ricordiamo e meditiamo la Passione, Morte di Gesù.

Per coloro che non possono presenziare dal vivo tale requisito perché impossibilitati fisicamente possono comunque prendersi un po’ di tempo, almeno 15 minuti, per la lettura e la meditazione della Passione e Morte si Gesù.

La Santa Sede afferma altresì che “per fare la Via Crucis, tuttavia, è sufficiente meditare con devozione la Passione e Morte di Signore, e quindi, la riflessione sui particolari misteri delle singole stazioni non è necessaria. ”

ll secondo modo per ottenere l’indulgenza plenaria è attraverso la recita del Rosario. Per ottenere l’indulgenza il Rosario dovrà pregarsi in una chiesa, in un oratorio, in famiglia, in una comunità religiosa o associazione di fedeli, e, in generale, “quando molti dei fedeli si riuniscono con uno scopo onesto , “, dice il manuale.

La terza opzione riguarda l’adorazione eucaristica fatta per almeno mezz’ora.

La quarta, infine, è quella dedicata alla lettura o all’ascolto, per almeno mezz’ora, delle Sacre Scritture.

Basta così?

Per ottenere l’indulgenza plenaria il fedele dovrà soddisfare tre condizioni fondamentali: la confessione dei propri peccati, la comunione e la pregare per le intenzioni del Papa. Questa preghiera viene liberamente affidata al fedele anche se la Chiesa suggerisce la recita di un “Padre Nostro” e di un “Ave Maria”.

Bonus:

La Chiesa consiglia vivamente che queste tre pratiche vengano svolte preferibilmente lo stesso giorno.

Commenti

commenti