Il beato Fulton Sheen e il perché del fallimento dei matrimoni

Il mantra che sembra accompagnare questi tempi è: aumentano i divorzi e diminuiscono i matrimoni. E i numeri sono dalla parte di questo mantra, purtroppo.

Spesso le coppie eroiche sono quelle che in realtà sono sempre state un pò “fidanzatine” anche durante il matrimonio. Vogliamo proporvi una bellissima riflessione, un pò arzigogolata ma efficace, del beato Fulton Sheen, il radiofonico di Dio, un grande comunicatore americano e vescovo, sul perché molti matrimoni falliscano. Poi ci dite cosa ne pensate, please!

Ecco il testo

“L’amore consiste principalmente nella volontà, non nelle emozioni o nelle ghiandole. La volontà è come la voce; le emozioni sono l’eco. Il piacere associato all’amore, vale a dire ciò che oggi viene chiamato “sesso”, è la vaniglia del dolce: la sua funzione è di farci amare il dolce, non di farcelo ignorare. La più grande illusione degli amanti è di credere che l’intensità della loro attrazione sessuale sia la garanzia della perpetuità del loro amore.

È a causa di questa incapacità di distinguere tra il ghiandolare e lo spirituale – ovvero tra il sesso, che abbiamo in comune con gli animali, e l’amore, che abbiamo in comune con Dio – che i matrimoni sono così illusori. Ciò che molti amano non è una persona, bensì l’esperienza di essere innamorati. La prima cosa è insostituibile; la seconda non lo è. Non appena le ghiandole cessano di reagire con il loro originario vigore, i coniugi che hanno identificato l’emotività con l’amore asseriscono di non essere più innamorati l’uno dell’altro. In tal caso, essi non hanno mai veramente amato l’altra persona: hanno amato soltanto di essere amati, il che rappresenta la forma più alta di egoismo.

Il matrimonio fondato esclusivamente sulla passione sessuale dura unicamente quanto la passione animale. Entro un paio d’anni l’attrazione animale verso l’altra persona può morire, e quando ciò avviene, la legge corre in suo soccorso giustificando il divorzio con termini privi di senso come “incompatibilità” o “crudeltà mentale”. Gli animali non ricorrono mai ai tribunali, perché non hanno la volontà di amare; ma l’uomo, essendo provvisto di ragione, sente il bisogno, quando ha torto, di giustificare l’irrazionalità della sua condotta.”

(Beato Fulton J. Sheen, da “Tre per sposarsi”)

Commenti

commenti