Miracolo eucaristico di Santarèm: l’ostia che continua a versare sangue dopo 770 anni

Il miracolo eucaristico di Santarem

Il Miracolo Eucaristico di Santarem, in Portogallo, risale all’anno 1247 (secondo alcuni era il 1266) ed è legato alla malsana intenzione di compiere un maleficio.

Il miracolo nato da un sacrilegio

Tra il 1266 e il 1247 una giovane sposa, tormentata dall’infedeltà del marito e nell’estremo tentativo di riconquistare l’amore di lui, si rivolse a una fattucchiera. Questa le disse di essere in grado di elaborare un potente filtro d’amore che avrebbe ridato al marito la fedeltà e passione originaria; ingrediente indispensabile per una tale prodigiosa pozione era però una particola consacrata che la sposa stessa doveva procurare.

La giovane donna, pur consapevole del sacrilegio, assecondò la richiesta e recatasi nella sua parrocchia, la Chiesa di Santo Stefano, dopo aver ricevuto l’Eucaristia la nascose furtivamente nell’angolo del fazzoletto che portava sul capo. Una volta uscita si diresse velocemente verso casa, ma alcune persone la fermarono chiedendole se si fosse ferita perché vistose gocce di sangue segnavano il suo cammino.

La donna capì all’istante da dove venisse il sangue e col fiato in gola corse a casa, nascondendo rapidamente la particola – avvolta in un panno – dentro a un baule di cedro.

La donna parve acquietarsi, venne la sera, il marito rincasò e, dopo aver cenato si coricarono come al solito. Improvvisamente però, nel cuore della notte, furono svegliati da un bagliore di luce che palpitava dentro la stanza e proveniva dal baule della donna. Questa fu allora, costretta a raccontare ogni cosa al marito che rimase attonito a guardare l’ostia luminosa e sanguinante. I due passarono il resto della notte in silenziosa e commossa adorazione godendo anche – almeno così si tramanda – una visione di angeli adoranti il prodigio.

Non appena fu mattina corsero ad avvertire il parroco, la voce del miracolo si sparse e molta gente si recò nell’abitazione per prostrarsi in adorazione e pregare. L’ostia fu riportata in Chiesa con una solenne processione, il parroco la ripose in un reliquiario di cera d’api e la sanguinazione continuò ininterrottamente per tre giorni.

L’ostia che continua a sanguinare

Nel corso dei secoli, l’ostia è apparsa come tessuto sanguinante fresco o asciugato e indurito. Secondo chi lo ha visto, rimane di forma irregolare e ha delle venature che vanno dall’alto in basso. Il fatto che l’ostia sia rimasta intatta per tutti questi anni è un “secondo miracolo”, e continua a sfidare gli scettici.

Commenti

commenti