Morto Padre Moya tetraplegico e difensore della vita

Photo University of Navarra (Spagna)

Padre Luis de Moya Anegón (Ciudad Real, 1953 – Navarra, 2020) è venuto a mancare il 9 novembre all’età di 67 anni. Nel 1991 ha avuto un grave incidente stradale a causa del quale è rimasto tetraplegico. La grave disabilità non gli ha però impedito di continuare i suoi compiti pastorali.

Morto Padre Moya tetraplegico e difensore della vita

Padre Moya è stato anche un grande difensore della vita umana. Nel 1996 ha pubblicato il libro “In marcia. Un tetraplegico che ama la vita” in cui spiega le sue esperienze e la vita dopo l’incidente. Il testo è stato tradotto in diverse lingue.

Nel 2017, in un’intervista alla diocesi spagnola di Mérida-Badajoz ha spiegato come, dopo l’incidente, si è reso conto e fatto carico della sua nuova situazione.

“Molte cose erano cambiate, ma non era cambiato il fatto che fossi ancora un prete. Avrei dovuto usare molto la scrittura, le persone sarebbero dovute venire da me invece che il contrario. Ho capito che dovevo raccontare la mia storia e la mia reazione all’incidente” aveva raccontato.

Aveva inoltre dichiarato che la cosa più difficile era “la dipendenza, che avrebbe dovuto dipendere molto dalle persone per le cose più elementari”.

Di fronte a questa situazione, Padre Moya aveva poi sottolineato che “se vediamo la vita con un significato soprannaturale e trascendente, non è ragionevole voler morire. La persona che ha fede sa che deve accettare in qualche modo la volontà di Dio (…). La circostanza in cui si è lasciati, dopo un incidente come quello che ho avuto io, non è qualcosa che Dio ignora. Proprio per questo, ho pensato che Dio avrebbe provveduto. Se Dio mi permette di stare in questa situazione, mi darà la forza per “portarla” bene. Avrei dovuto adempiere la sua volontà in questa circostanza come prima cercavo di adempierla in una situazione diversa”.

Sono “come un milionario che ha perso solo 6 euro”

In un’altra delle interviste che ha rilasciato, Padre Luis ha affermato di sentirsi “come un milionario che ha perso solo 6 euro, perché posso fare le cose più importanti per un essere umano: pensare e amare”.

Un grande evangelizzatore di Internet

Nel 2000 ha lanciato il portale cattolico Fluvium per evangelizzare su Internet e ogni settimana ha inviato le sue “Notizie” a più di centomila abbonati in tutto il mondo. Ha ricevuto nel tempo centinaia di e-mail da persone che lo hanno contattato per un consiglio o una parola di conforto.

Da medico a sacerdote dell’Opus Dei

Nel 1971 ha iniziato la sua carriera come medico a Madrid, ma solo un anno dopo ha chiesto l’ammissione all’Opus Dei. Terminati gli studi in Medicina, si trasferisce a Roma per proseguire gli studi in Teologia. Nell’agosto 1981 ha ricevuto l’ordinazione sacerdotale. Dopo il grave incidente stradale, ha vissuto presso la Residenza di Aralar e ha continuato a sviluppare varie opere pastorali per diversi anni nel campus dell’Università di Navarra.

Col passare del tempo, le sue condizioni fisiche sono peggiorate, ma non ha mai perso la gioia. La sua vita era dura, sacrificale e monotona solo per quelli di noi che la guardavano da fuori, non per lui. Visse come un buon figlio di Dio, confidando nelle braccia amorevoli del Padre. È entrato nella Clinica dell’Università di Navarra il 27 ottobre, ma fino a quel giorno ha sempre celebrato la Santa Messa con un altro sacerdote.

Morto Padre Moya tetraplegico e difensore della vita

Approfondimento:

Aciprensa (Fonte)

La Storia della Foto diventata virale del Ragazzo in sedia a rotelle a Panama 2019

Commenti

commenti