4 ragioni per cui un cattolico non dovrebbe credere nel Karma

Foto di Keegan Houser su Unsplash

La parola karma significa il frutto delle azioni compiute da ogni vivente, che determina una diversa rinascita nella gerarchia degli esseri e un diverso destino nel corso della susseguente vita. Esso è presente nella cultura popolare e la troviamo nei film o nelle serie televisive che di solito consumiamo.

Ciò genera la confusione sul fatto che ci possa essere qualcosa di simile al karma nel cristianesimo. Per far si che questo non accada anche a voi, abbiamo scoperto queste semplici differenze tra i due.

Premi e punizioni
Nel karma, se accumuliamo buone azioni in questa vita, la nostra reincarnazione nella prossima sarà molto meglio. Allo stesso modo, se tendiamo a commettere mali piuttosto che del bene, la nostra prossima vita sarà piagata da calamità per così poter riequilibrare il cosmo.

Il cristiano non crede in questo. Dio non punisce, poiché ha mandato il suo unico Figlio a riconciliarci con Lui. Da quel momento se continueremo a essere testardi nel male, il risultato sarà l’inferno. Ma non a causa della punizione, ma a causa delle nostre azioni. Anche così, non dimentichiamoci che Cristo è morto affinché ci sia sempre perdono e pentimento. In modo tale da poter sempre ritornare a Lui. Per purificarci dal peccato.

Forza invisibile e Dio
Credendo nel Karma, si crede che ci sia una forza cosmica invisibile che cerca di mantenere l’ordine nell’esistenza. I buddisti indicano che è possibile diventare un tutt’uno con questo cosmo.

Il cristianesimo non crede in una forza spirituale, crede in un Dio uno e trino. Dio Padre creatore, Dio Figlio Redentore e Dio Spirito Santo, donatore della Vita. Inoltre, siamo chiamati ad andare in Paradiso. E vivere eternamente con Dio.

La risurrezione e la reincarnazione
Il Karma è direttamente collegato con la reincarnazione. Se sei bravo in questa vita, avrai una vita migliore dopo la tua morte. Si entra in un cerchio infinito di vite. La qualità di ognuno dipenderà dalle cose buone o cattive fatte nella vita precedente.

I cristiani credono nella risurrezione. Non avremo altre vite dopo questa. Ci sarà una Vita Nuova in Cristo. Andremo in paradiso quando moriremo. E alla fine dei tempi risorgeremo con nuovi corpi. Come ha fatto Cristo.

Salvezza
I buddisti credono che si possa uscire dal circolo della reincarnazione dominando sé stessi potendo trovare così un equilibrio con il cosmo. Ma sono le azioni stesse che ci permettono di essere salvati dall’infinito cerchio della reincarnazione.

I cristiani credono nella cooperazione con la grazia. E di una cosa siamo certi: non saremo salvati dalle nostre stesse azioni. È Cristo e la sua morte sulla Croce che ci ha salvati.

Commenti

commenti