8 cose che un cattolico dovrebbe fare quando ha una brutta giornata

Photo Cathopic

Ami ChurchPOP?

Ricevi i nostri contenuti GRATIS ogni giorno sulla tua mail!

Stai passando una brutta giornata? Tranquillo, succede molto spesso! Di certo però non sono i giorni difficili a definirci, piuttosto la nostra perseveranza nella fede, nella speranza e nella carità. Ecco le 8 cose che un cattolico dovrebbe fare quando ha una brutta giornata!

Un piccolo elenco di consigli spirituali e pratici per momenti difficili:

1. Fai una pausa

Prenditi anche solo un momento con te stesso in raccoglimento. Respira.

2. Invoca lo Spirito Santo

Chiedi allo Spirito Santo di venire, riempi il tuo cuore e accendi in te il fuoco del Suo amore. Respira il respiro della vita dato dallo Spirito Santo. Come si afferma in Galati 5: 22-23: “Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo; contro queste cose non c’è legge”.

3. Soffri

La sofferenza è diversa da tutto ciò che il mondo tendenzialmente pone come priorità. Significa abbandonare il comfort e la stabilità, per la sfida e la lotta. Tuttavia, è la vera strada che attraverso la croce conduce alla vita eterna. Unisci le tue difficoltà alle sofferenze di Gesù e fallo per i peccatori, per le anime del purgatorio e per tutti coloro che hanno bisogno.

4. Rifletti

Con la saggezza dello Spirito Santo, rifletti. Che cosa sta succedendo? Perché hai difficoltà? Qual è il problema? È il peccato? È la paura? L’autocoscienza e l’autoconoscenza richiedono vero coraggio. Sii onesto con te stesso e con Dio.

5. Ascolta 

Sfoglia la Bibbia, la Parola di Dio. Lascia che ti parli: “infatti la parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell’anima e dello spirito, delle giunture e delle midolla e scruta i sentimenti e i pensieri del cuore” (Ebrei 4:12).

Magari leggi un capitolo o un brano che ti parla, oppure ritorna a un versetto delle Scritture preferito su cui riflettere. Inoltre, ascolta gli altri con umiltà. Chiedi consiglio a un direttore spirituale, una persona saggia, una famiglia o un amico fidato. Prega con loro. Chiedi loro di pregare per te. Prega per loro.

6. Perdona, fatti perdonare e perdona te stesso 

Il perdono è bello. È umiliante. È vero. Se necessario, fai una buona e onesta Confessione nel Sacramento della Riconciliazione, fai penitenza, perdona quelli che ti hanno offeso e perdona te stesso. “La confessione è un atto di onestà e coraggio, un atto di affidamento di noi stessi, al di là del peccato, alla misericordia di un Dio amorevole e misericordioso” (San Giovanni Paolo II). La grazia del perdono è la forza che ci consente di perseverare!

7. Risolvi 

Ora che hai impiegato del tempo per riflettere, prendi una decisione. Persevera nella fede credendo e seguendo l’Onnipotente Potenza di Dio e le verità della Chiesa. Abbi speranza vivendo con il desiderio del Regno dei Cieli e riconoscendo che esiste la felicità suprema. Coltiva la carità, o l’amore, amando Dio sopra ogni cosa e il tuo prossimo come te stesso.

8. Ringrazia e preparati! 

Sfide, difficoltà e “giorni difficili” vanno e vengono, ma sono un’occasione per rimanere sempre un vero discepolo di Gesù Cristo. “State sempre lieti, pregate incessantemente, in ogni cosa rendete grazie; questa è infatti la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi” (1 Tessalonicesi 5: 16-18). Preparati alle sfide, rispondi come discepolo e mantieni il tuo impegno a vivere il Vangelo! 

Ecco le 8 cose che un cattolico dovrebbe fare quando ha una brutta giornata!

Approfondimento:

Catholic-link (Fonte)

4 ragioni per cui un cattolico non dovrebbe credere nel Karma

Commenti

commenti

Nell'ambito di questo servizio gratuito, potrete ricevere occasionalmente delle nostre offerte da parte di EWTN News ed EWTN. Non commercializzeremo ne affitteremo le vostre informazioni a terzi e potrete disiscrivervi in qualsiasi momento.