Donazioni Contactless in Chiesa? Ora si può. In Olanda

(Credit: Sean MacEntee/CC BY 2.0.)

Il curioso metodo introdotto in una chiesa cattolica in Olanda: offerte digitali.

I fedeli cattolici nei Paesi Bassi avranno ora la possibilità di poter offrire i soldi della colletta tramite pagamenti digitali. L’iniziativa d’avanguardia è stata introdotta nella chiesa di San Gerardo Majella, gestita dalla Comunità di San Giovanni. 

Il parroco racconta a Crux che era molto frustrante ogni volta vedere passare il cesto della colletta vuoto. “I giovani non portano più denaro con sé. E’ davvero un peccato, perché in realtà vorrebbero donare qualcosa alla Chiesa. Sapevo che questa tecnologia era già stata utilizzata altrove allora mi sono detto a me stesso: facciamolo e basta”.

Il metodo è ancora in fase di sperimentazione ma dopo neanche due settimane erano stati raccolti un totale di 220€. E le donazione sono tornate a lievitare. In pratica è semplice: la terminale di pagamento viene collegata al WI-FI, e la persona passa con questo disco dove il fedele può scegliere la quantità da donare.

Questo sistema è stato il primo terminale in assoluto ad essere stato introdotto in una chiesa cattolica in Olanda. Le chiese protestanti invece sono molto più avanti: offrono una app da scaricare sul proprio cellulare che consente alle persone in anticipo di decidere la quantità di soldi da donare. Quando il terminale si avvicina, l’unica cosa che devono fare è tenere il proprio smartphone vicino alla piastra di raccolta che contiene un piccolo sistema di pagamento contactless ed ecco che la transazione è fatta. 

Non solo i protestanti olandesi hanno più familiarità con l’uso dei sistemi di pagamento digitali in chiesa, ma donano anche più soldi alla Chiesa rispetto ai loro omologhi cattolici.

Infatti ogni anno la Chiesa cattolica, la Chiesa protestante e la Vecchia chiesa cattolica dei Paesi Bassi (Oud-Katholieke Kerk van Nederland) organizzano una campagna di raccolta fondi congiunta. E una volta ogni due anni il centro di ricerca olandese Kaski dà un’occhiata alla quantità di denaro che i fedeli donano alle rispettive Chiese.

“I credenti tendono a dare di più alle loro rispettive comunità e tendono ad essere più sociali dei non credenti. Ci sono più ricerche che lo confermano “, ha detto il ricercatore Ton Bernts ai microfoni di Crux.

“Durante questa campagna annuale di raccolta fondi, un terzo di tutti i cattolici dona alla Chiesa. Ma i protestanti quasi raddoppiano quel numero “, ha detto Bernts. “In media una famiglia cattolica dona 97 euro all’anno, una protestante 240. Si potrebbe dire che le chiese in parte traggono profitto dal fatto che i loro credenti tendono a dare più soldi in generale. Se dai più soldi a un ente di beneficenza locale, dai anche più soldi alla tua chiesa. E ‘così semplice.”

(Credit: Michel Euler/AP.)

Nord e Sud

Ma come mai i protestanti danno di più alla loro chiesa dei cattolici?

“È una supposizione, ma penso che abbia qualcosa a che fare con il tipo di chiesa di cui stiamo parlando. Per i protestanti la chiesa sembra più un’associazione; la chiesa appartiene davvero a loro. È una specie di proprietà. Un ministro nella chiesa protestante viene scelto dal consiglio della chiesa, mentre un sacerdote viene assegnato a una parrocchia cattolica “, ha detto Bernts. È anche notevole notare la differenza tra le donazioni fatte dai cattolici nel nord del paese e dalle loro controparti nel sud. “Nel nord, dove i cattolici formano una minoranza, dipendono maggiormente l’uno dall’altro. Quindi tendono a dare di più, mentre nel sud del Paese i cattolici danno di meno ”, ha spiegato Bernts. 

Tanta tecnologia ma pochi fedeli

La prima cosa che ci viene in mente appena abbiamo letto questa notizia è stato il fatto che in Olanda si sta vivendo una vera e propria drammatica estinzione della Chiesa Cattolica. Infatti, nei prossimi 10 anni, delle 250 chiese dove si celebra l’Eucarestia, ne rimarranno solo 15. Una scomparsa inevitabile dato il rapido invecchiamento della popolazione e un rapido declino dei fedeli che vanno a messa, meno del 5 % secondo gli ultimi calcoli della Chiesa Cattolica d’Olanda. Dei 3 milioni e mezzo di cattolici presenti in Olanda, secondo l’Istituto Kaski di Nimega, solo 173 mila e 500 presenziano la Messa e dove una parrocchia su 10 è in bancarotta, secondo il Cardinale Van Ejick ai microfoni de La Nuova BQ.

Commenti

commenti