Il Camerlengo: la persona che governa la Chiesa in assenza del Papa

Public Domain

Esiste una figura alquanto sconosciuta in Vaticano che ricopre un ruolo strategico e fondamentale all’interno della gerarchia ecclesiastica: il Camerlengo.

Per tradizione, la figura del camerlengo deve essere impersonata da un cardinale scelto direttamente dal Papa.

Che cosa fa esattamente? Ecco i suoi poteri

Il Camerlengo di Santa Romana Chiesa deve accertare ufficialmente la morte del Pontefice alla presenza del Maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie, dei Prelati Chierici e del Segretario e Cancelliere della stessa Camera Apostolica.

Il Camerlengo deve, inoltre, apporre i sigilli allo studio e alla camera del medesimo Pontefice, disponendo che il personale abitualmente dimorante nell’appartamento privato vi possa restare fino a dopo la sepoltura del Papa, quando l’intero appartamento pontificio sarà sigillato;

– comunicarne la morte al Cardinale Vicario per l’Urbe, il quale ne darà notizia al Popolo Romano con speciale notificazione; e parimenti al Cardinale Arciprete della Basilica Vaticana;

– prendere possesso del Palazzo Apostolico Vaticano e, personalmente o per mezzo di un suo delegato, dei Palazzi del Laterano e di Castel Gandolfo, ed esercitarne la custodia e il governo;

– stabilire, uditi i Cardinali Capi dei tre Ordini, tutto ciò che concerne la sepoltura del Pontefice, a meno che questi, da vivo, non abbia manifestato la sua volontà a tale riguardo;

– curare, a nome e col consenso del Collegio dei Cardinali, tutto ciò che le circostanze consiglieranno per la difesa dei diritti della Sede Apostolica e per una retta amministrazione di questa.

– È infatti compito del Camerlengo di Santa Romana Chiesa, in periodo di Sede Vacante, di curare e amministrare i beni e i diritti temporali della Santa Sede, con l’aiuto dei tre Cardinali Assistenti, premesso, una volta per le questioni meno importanti, e tutte le volte per quelle più gravi, il voto del Collegio dei Cardinali”.

– Ed è colui che si affaccia alla Loggia delle Benedizioni, per capirci meglio, dal balcone centrale della Basilica di San Pietro per annunciare il nome del nuovo Papa: “Annuntio vobis gaudium magnum, Habemus Papam!”

Commenti

commenti