Il Santo che Rischiò la sua Vita per le Prostitute

San Giovanni Regis

San Giovanni Francesco Regis non amava altro che riconciliare un peccatore con Dio. Nel 1806, un seminarista in difficoltà fece un pellegrinaggio in un remoto villaggio nelle Alpi francesi. Desiderava essere un prete, ma tutto il desiderio del mondo non poteva renderlo uno studente abbastanza bravo. Inginocchiandosi sulla tomba di San Giovanni Francesco Regis, il giovane ha affidato la sua vocazione a questo grande sacerdote. Più di mezzo secolo dopo, mentre stava morendo, San Giovanni Vianney rese testimonianza alla testimonianza e all’intercessione di San Giovanni Francesco Regis: “Tutto ciò che ho fatto bene, lo devo a lui”. 

Nato in Francia nel 1597, Regis era straordinariamente santo fin dall’infanzia. Non era interessato ai giochi per bambini, preferendo invece contemplare le cose di Dio. Sensibile e devoto com’era, riuscì a non essere insopportabile e fu benvoluto dai suoi pari. 

A 19 anni entrò nell’ordine dei Gesuiti e cominciò a prepararsi per un ministero sacerdotale che avrebbe salvato migliaia di anime. Sebbene desiderasse ardentemente i campi di missione del Nord America, lì per dare la sua vita con personaggi come Isaac Jogues, Regis fu inviato invece nei campi di missione della Francia. Negli anni successivi alla Riforma protestante, molti cattolici francesi erano diventati protestanti. Altri erano così disillusi dalle Guerre di Religione che avevano abbandonato del tutto il cristianesimo. 

La povertà aveva costretto innumerevoli donne a prostituirsi e molte città erano completamente prive di sacerdoti – spesso perché i cittadini avevano ucciso o cacciato e bruciato la chiesa! Molti dei sacerdoti rimasti erano terribilmente istruiti, ordinati in fretta per rimpiazzare le migliaia di martiri. Sembrava una situazione senza speranza, ma p. Regis sapeva che Dio aveva fatto grandi cose con strumenti più poveri, quindi se ne andò. Cominciò a dare da mangiare ai poveri e a prendersi cura dei malati, e presto iniziarono ad ascoltare i suoi sermoni. Mentre predicava semplicemente ma con forza, le folle si moltiplicarono. Dopo una missione parrocchiale a Sommieres, una città quasi interamente protestante, quasi tutti gli abitanti tornarono alla fede cattolica. 

Ogni estate, padre Regis lavorava in città, predicando, ascoltando confessioni e servendo i poveri. Come St. Vitalis di Gaza, aveva un particolare ministero per le prostitute, picchiava sulle porte dei bordelli e chiedeva che le nuove “reclute” fossero affidate alla sua custodia. A volte, vedeva una donna trascinata via da un aggressore e si gettava sull’uomo, estraendo la donna dalla stretta del suo aggressore e lasciandosi invece sconfiggere. Questo lavoro per salvare le vittime della tratta di esseri umani non gli ha fatto guadagnare molti amici. Infatti, p. Regis ricevette frequenti minacce di morte, molte delle quali hanno provocato attacchi reali. Ogni volta, la sua vita è stata salvata, sia dalla Provvidenza che dal vero miracolo. Stabilì un rifugio per le donne salvate dalla prostituzione, mise su un laboratorio per insegnargli diversi mestieri in modo tale che potessero sostentarsi da sole, fondò un gruppo di donne caritatevoli e moltiplicò miracolosamente il grano per sfamare i poveri. Ma soprattutto, predicava e ascoltava le confessioni per ore e ore, amando nient’altro che riconciliare un peccatore con Dio. La missione di Regis non era solo per le città.

Le estati le trascorreva in città, ma durante l’inverno amava camminare. Usciva le prime ore del mattino per andare a scalare le montagne, spingendosi attraverso la neve profonda arrivando in ogni città senza pensare a cibo o riposo. Appena giunto in città, si recava immediatamente in chiesa per iniziare a confessare. In un viaggio particolarmente insidioso, p. Regis scivolò e si ruppe una gamba. Appoggiandosi al suo compagno, riuscì a raggiungere la città, dove rifiutò l’aiuto del dottore in favore di passare alcune ore nel confessionale. Quando emerse diverse ore dopo, la sua gamba rotta era stata guarita. 

Nel paese come nella città, ebbe un grande successo soprattutto grazie alle sue doti nella predicazione. Dormiva poco e mangiava meno, felice di sedersi nel confessionale per molte ore al giorno. Fr. Regis sapeva che in confessione un sacerdote è la mano di Cristo che trascina indietro i peccatori dall’orlo della dannazione, e nulla potrebbe impedirgli di compiere quel sacro dovere. Fu questo impegno che alla fine lo uccise. Intrappolato in una tempesta di neve, p. Regis aveva preso un brutto raffreddore, ma si rifiutava di riposare quando le anime erano in fila per confessarsi. Invece, continuò a predicare e ascoltare le confessioni ora dopo ora, finché alla fine crollò nel confessionale. Quando arrivò, insistette per ascoltare altre confessioni finché non perse conoscenza di nuovo due ore dopo. Finalmente, il 31 dicembre 1640, morì come aveva vissuto: interamente riversato sulle anime. 

Il 16 giugno, festa di San Giovanni Francesco Regis, chiediamo la sua intercessione per i sacerdoti. Possa Dio dare ai nostri sacerdoti un profondo amore per i sacramenti, un profondo amore per le anime e il coraggio di riversarsi nell’amore. San Giovanni Francesco Regis, prega per noi!

Commenti

commenti