Il Sorgere di un Europa-Non Cristiana? Vediamo alcuni numeri

Pixabay

La marcia dell’Europa verso una società post-cristiana è stata ben illustrata da una ricerca che mostra che la maggioranza dei giovani in una dozzina di paesi non segue la religione. 

Il sondaggio tra i giovani dai 16 ai 29 anni ha rivelato che la Repubblica Ceca è il paese meno religioso in Europa con il 91% di quella fascia di età che dichiara di non avere affiliazioni religiose. Anche tra il 70% e l’80% dei giovani adulti in Estonia, Svezia e Paesi Bassi si classificano come non religiosi.

Il paese più religioso è la Polonia, dove il 17% dei giovani si definisce non religioso, seguito dalla Lituania con il 25%.

The Guardian

Nel Regno Unito, solo il 7% dei giovani adulti si identifica come anglicano, meno del 10% si definisce cattolico. I giovani musulmani, al 6%, sono sull’orlo del sorpasso di coloro che si considerano parte della consolidata chiesa del paese.

Le cifre sono pubblicate in un rapporto, Europe’s Young Adults and Religion, di Stephen Bullivant, professore di teologia e sociologia della religione presso la St Mary’s University di Londra. Si basano sui dati dell’indagine sociale europea 2014-16.

La religione era “moribonda”, disse. “Con alcune eccezioni degne di nota, i giovani adulti non si identificano sempre più o praticano la religione”.

La traiettoria era destinata a diventare più marcata. “Il cristianesimo come default, come norma, è sparito, e probabilmente è andato per sempre – o almeno per i prossimi 100 anni”, ha detto Bullivant.

Ma ci sono state variazioni significative, ha detto. “I paesi vicini, con background culturali e storie simili, hanno profili religiosi molto diversi”.

The Guardian

I due paesi più religiosi, la Polonia e la Lituania, e i due meno religiosi, la Repubblica Ceca e l’Estonia, sono paesi post-comunisti.

La tendenza dell’affiliazione religiosa si è ripetuta quando ai giovani è stato chiesto della loro pratica religiosa. Solo in Polonia, Portogallo e Irlanda più del 10% dei giovani dichiara di frequentare i servizi almeno una volta alla settimana.

Nella Repubblica Ceca, il 70% ha dichiarato di non essere mai andato in chiesa o in qualsiasi altro luogo di culto e l’80% ha detto di non pregare mai. Nel Regno Unito, in Francia, Belgio, Spagna e Paesi Bassi, tra il 56% e il 60% ha affermato di non andare mai in chiesa, e tra il 63% e il 66% ha affermato di non pregare mai.

Tra quelli che si identificano come cattolici, vi era un’ampia variazione nei livelli di impegno. Oltre l’80% dei giovani polacchi dichiara di essere cattolico, con circa la metà andando a messa almeno una volta alla settimana. In Lituania, dove il 70% dei giovani afferma di essere cattolico, solo il 5% va a messa una volta alla settimana.

Secondo Bullivant, molti giovani europei “saranno stati battezzati e quindi non oltrepasseranno mai più la porta di una chiesa. Le identità religiose e culturali non vengono trasmesse dai genitori ai figli.”

Le cifre per il Regno Unito sono state in parte spiegate dall’alta immigrazione, ha aggiunto. “Un cattolico su cinque nel Regno Unito non è nato nel Regno Unito.

“E sappiamo che il tasso di natalità musulmano è superiore alla popolazione generale e hanno tassi di ritenzione [religiosi] molto più alti”.

In Irlanda, c’è stato un calo significativo della religiosità negli ultimi 30 anni, “ma rispetto a qualsiasi altro posto nell’Europa occidentale, sembra ancora piuttosto religiosa”, ha detto Bullivant.

“La nuova impostazione predefinita è ‘nessuna religione’, e i pochi che sono religiosi si vedono nuotare controcorrente”, ha detto.

“Tra 20 o 30 anni, le chiese tradizionali saranno più piccole, ma le poche persone rimaste saranno fortemente impegnate”.

Seguici!

Commenti

commenti