La Grotta del Latte, il luogo miracoloso dove Maria allattò Gesù

La Grotta del Latte. Wikipedia
Un luogo di pellegrinaggio per le coppie che intendono risolvere i loro problemi di fertilità dal IV secolo!

Un angelo apparve in sogno a San Giuseppe annunciandogli che lui assieme a Maria e Gesù Bambino sarebbero dovuti fuggire in Egitto per via della persecuzione che stava per mettere in atto il Re Erode.

Il miracolo del Latte

I primi cristiani credevano che la Santa Famiglia, poco dopo la nascita di Gesù a Nazareth, si sia trasferita per un breve periodo di tempo presso questa Grotta a Betlemme per nascondersi dai soldati di Erode.

Un antica tradizione cristiana racconta che la Grotta, che prima era di colore rosso, sia divenuta interamente bianca quando una piccola goccia di latte materno di Maria che allattava Gesù cadde su una roccia della grotta.

La Grotta fu così chiamata la Grotta del Latte e divenne rapidamente un luogo di pellegrinaggio per i primi cristiani, i quali credevano che mescolando il morbido gesso bianco della grotta con il cibo e le bevanda ne avrebbe migliorato la fertilità e la produzione di latte materno.

Un luogo di pellegrinaggio

Verso la fine del IV secolo la Grotta del Latte divenne una piccola cappella.

Nel 1872, l’attuale cappella della Grotta del Latte fu costruita sul sito della originale cappella risalente al IV secolo. La cappella si trova a Betlemme, in Cisgiordania, a pochi chilometri dalla Chiesa della Natività.

Ai pellegrini che visitano la Grotta del Latte possono ricevere una piccola borsa che contiene del latte in polvere dai frati che custodi del sito. Le coppie che desiderano trarne beneficio seguono una speciale devozione che dura 40 giorni dove si deve bere una piccola quantità di latte in polvere ogni giorno e di recitare una preghiera quotidiana per la fertilità.

Ancora oggi, la Grotta del Latte di Betlemme viene visitata da coppie – cristiane e musulmane – che chiedono l’intercessione della Vergine sia per avere figli che per crescerli in modo sano.

Commenti

commenti