La preghiera che San Michele Arcangelo Rivelò ad una religiosa

La “Corona Angelica” o “Rosario di San Michele” è una delle pratiche di devozione più raccomandabili ai fedeli cattolici in onore del glorioso arcangelo Michele.

Esiste un’ apposita coroncina, costituita da quaranta grani, detta Rosario di San Michele. Si tratta di una devozione approvata dalla Chiesa fin dal 1851 e arricchita da numerose indulgenze. Fu rivelata esattamente un secolo prima, nel 1751, dall’arcangelo stesso a una religiosa carmelitana in Portogallo, la Serva di Dio Antonia d’Astonac.

L’arcangelo le disse: “Voglio che tu ripeta nove volte in mio nome un Pater e tre Ave Maria, in unione con ognuno dei nove cori degli Angeli. Finirai queste nove salutazioni con quattro Pater, di cui il primo in mio onore, il secondo in onore di San Gabriele; il terzo di San Raffaele e l’ultimo all’Angelo Custode”.

La forma attuale della Corona sembra essere stata ideata dalla Venerabile Madre Maria Colomba Leonardi del monastero carmelitano di Vetralla (nei pressi di Roma) e di lì diffusa in tutta Italia e poi nel mondo.

Ogni giorno dobbiamo combattere contro le tentazioni, ma non siamo soli! San Michele arcangelo è l’aiuto potente che Dio ci ha donato per respingere vittoriosi gli assalti del maligno.

Per chi volesse, ecco la preghiera:

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio ora e sempre, nei secoli dei secoli. Amen.

S. Michele Arcangelo, difendici nella lotta, per essere salvati nell’estremo giudizio

1a Invocazione 

Ad intercessione di S. Michele e del celeste coro dei Serafini, ci renda il Signore degni della fiamma di perfetta carità. Pater, tre Ave al 1° Coro Angelico.

2a invocazione 

Ad intercessione di S. Michele Arcangelo e del Coro celeste dei Cherubini, voglia il Signore darci la grazia di abbandonare la vita del peccato e correre in quella della cristiana perfezione. Pater, tre Ave al 2° Coro Angelico.

3a invocazione 

Ad intercessione di S. Michele Arcangelo e del sacro Coro dei Troni, infonda il Signore nei nostri cuori lo spirito di vera e sincera umiltà. Pater, tre Ave al 3° Coro Angelico.

4a invocazione 

Ad intercessione di S. Michele Arcangelo e del coro celeste delle Dominazioni, ci dia grazia il Signore di dominare i nostri sensi e correggere le corrotte passioni. Pater, tre Ave al 4° Coro Angelico.

5a invocazione 

Ad intercessione di S. Michele e del celeste Coro delle Potestà, il Signore si degni di proteggere le anime nostre dalle insidie e tentazioni del demonio. Pater, tre Ave al 5° Coro Angelico.

6a invocazione 

Ad intercessione di S. Michele e del Coro delle ammirabili Virtù celesti, non permetta il Signore che cadiamo nelle tentazioni, ma ci liberi dal male. Pater, tre Ave al 6° Coro Angelico.

7a invocazione 

Ad intercessione di S. Michele e del Coro celeste dei Principati, riempia Dio le anime nostre dello spirito di vera e sincera obbe­dienza. Pater, tre Ave al 7° Coro Angelico.

8a invocazione 

Ad intercessione di S. Michele e del Coro celeste degli Arcange­li, ci conceda il Signore il dono della perseveranza nella fede e nelle opere buone. Pater, tre Ave al 8° Coro Angelico.

9a invocazione 

Ad intercessione di S. Michele e del Coro celeste di tutti gli An­geli, si degni il Signore concederci di essere da essi custoditi nella vita presente e poi introdotti nella gloria dei cieli. Pater, tre Ave al 9° Coro Angelico.

Un Padre nostro a San Michele.
Un Padre nostro a San Gabriele.
Un Padre nostro a San Raffaele.
Un Padre nostro allAngelo Custode.

Preghiamo

Onnipotente, sempiterno Dio, che con prodigio di bontà e mi­sericordia, per la salvezza degli uomini hai eletto a Principe della tua Chiesa il glorioso San Michele, concedici, mediante la sua benefica protezione, di essere liberi da tutti i nostri spirituali ne­mici. Nell’ora della nostra morte non ci molesti l’antico avversa­rio, ma sia il tuo Arcangelo Michele a condurci alla presenza del­la tua divina Maestà. Amen.

Commenti

commenti