La Via Crucis del Papa sarà Meditata e Disegnata dai Bambini

Photo Vatican Media

Ami ChurchPOP?

Ricevi i nostri contenuti GRATIS ogni giorno sulla tua mail!

La Sala Stampa Vaticana ha reso noti gli impegni di Papa Francesco per la Settimana Santa. Quest’anno la Via Crucis del Papa sarà Meditata e Disegnata dai Bambini.

La Via Crucis del Papa sarà Meditata e Disegnata dai Bambini

Il Venerdì Santo ci saranno due eventi. Alle 18:00 si terrà la celebrazione della Passione in San Pietro. Alle 21:00 avrà luogo la Via Crucis in mondovisione allestita sul Sagrato della Basilica Vaticana.

Le Meditazioni di Scout e Giovani

Il direttore della Sala stampa Matteo Bruni ha dichiarato che la preparazione delle meditazioni è stata affidata al Gruppo Scout Agesci “Foligno I” dell’Umbria, e alla Parrocchia romana Santi Martiri di Uganda. Saranno “parole semplici e immediate, ma pienamente consapevoli del significato della discriminazione e dell’umiliazione, così come della giustizia e della solidarietà” afferma la nota della Sala Stampa della Santa Sede.
Il Gruppo Scout Agesci “Foligno I” si compone di 21 educatori ed educatrici, e 145 ragazzi e ragazze tra gli 8 e 19 anni. Hanno riflettuto sulle 14 stazioni, relazionandole alle proprie esperienze quotidiane.
Invece i 500 bambini e ragazzi del catechismo per la prima comunione e per la cresima della Chiesa dei Santi Martiri dell’Uganda hanno contribuito a dare forma alle meditazioni. La parrocchia romana dell’ardeatino è guidata da don Luigi D’Errico ed è da sempre impegnata nel campo della solidarietà. È stata infatti avviata un’esperienza di catechesi per e con le persone disabili, e si occupa delle case famiglia “Rifugio per Agar”, dedicata a donne e bambini vittime di maltrattamenti e “Casa Betlemme”, per accogliere famiglie senza fissa dimora.

I disegni dei bambini che accompagneranno le Stazioni

Particolari saranno poi le immagini che accompagneranno le diverse Stazioni, “si tratta dei disegni realizzati da bambini e ragazzi di due case famiglia romane: la “Mater Divini Amoris” e la “Tetto Casal Fattoria”. La prima è gestita dalle Figlie della Madonna del Divino Amore, che accoglie 8 bambini tra i 3 e gli 8 anni. La seconda da una associazione di volontariato per contrastare il disagio di bambini e giovani.

La Storia della Via Crucis a Roma

La pratica della Via Crucis con 14 stazioni ha avuto origine in Spagna almeno un secolo prima. È stata quindi portata solo successivamente in Italia dal francescano padre Salvatore da Cagliari. Quest’ultimo aveva fatto erigere nel convento delle Croci di Firenze proprio una Via Crucis.

La prima Via Crucis al Colosseo è stata celebrata nel 1750, anno giubilare, per volontà di papa Benedetto XIV. La via Crucis si sarebbe tenuta al Colosseo fino all’Unità di Italia. Da quel momento è stata sospesa fino 1926. Giovanni XXIII l’ha riportata al Colosseo nel 1959.  La tradizione però è tornata costante dal 1965 grazie a Papa Paolo VI.

Approfondimento:

Vatican News (Fonte)

Lo sapevi che Papa Francesco prega sempre la Via Crucis? Ecco perché

Commenti

commenti

Nell'ambito di questo servizio gratuito, potrete ricevere occasionalmente delle nostre offerte da parte di EWTN News ed EWTN. Non commercializzeremo ne affitteremo le vostre informazioni a terzi e potrete disiscrivervi in qualsiasi momento.