L’Ultimo Eremita del Libano

Padre Darío Esobar

Padre Darío Escobar, 84 anni, vive in isolamento nel santuario di Nostra Signora de Hauqa, scavato in una grotta. Arrivarci è una vera odissea.

Un misterioso scampanio di campane si perde nell’immensità della valle del Qadisha, nel nord del Libano . È il momento dell’Angelus.

Come un’apparizione, un vecchio con una lunga barba bianca , vestito con un cappuccio nero e un’abitudine, scende una strada sterrata con un passo zoppo.  A 84 primavere e sedici da eremita nel santuario di Nostra Signora di Hauqa, scavato all’interno di una grotta nella valle, Padre Darío pare essere uscito da un film di altri tempi. Il posto dove vive è conosciuto anche come la “Valle Santa” perché le sue grotte naturali servivano come rifugio per i monaci e gli anacoreti maroniti (dalla Chiesa cattolica orientale) nel sedicesimo secolo.

Ora, questo eremita colombiano è l’unico custode della valle del Qadisha . La sua età avanzata non ha tolto forza e l’entusiasmo che emanano da dentro di lui. Probabilmente, il sangue latino che pompa il suo cuore è uno dei motivi per cui propaga tanta energia.

Per arrivare all’eremo hai bisogno di una grande preparazione fisica o di una fede incrollabile . Devi salire e scendere un lungo sentiero di diversi chilometri con ripide scale di pietra che ti portano letteralmente via il fiato. Il monaco ha scelto questo posto proprio per questo motivo.

Escobar è nato a Medellín, in Colombia , ma non ha relazioni con il famoso cartello della droga di Medellín, di Pablo Escobar . All’età di 11 anni entrò in un seminario degli Eudisti, della congregazione di Gesù e Maria. Sin da bambino aveva sentito il bisogno di aiutare gli altri.

Per oltre mezzo secolo ha servito l’ordine Eudista a Medellín e Pasto.

Lasciò la Colombia per andare a Miami, dove insegnò psicologia e diede consigli matrimoniali in parrocchia . Fu proprio negli Stati Uniti , quando sentì una voce interiore che gli diceva di lasciare la vita attiva per “dedicarsi alla meditazione della parola di Dio”.  Tuttavia, il superiore della congregazione di Gesù e Maria non gli permise di ritirarsi spiritualmente.

La Chiesa maronita è l’unica chiesa che attualmente permette di essere eremita. E così padre Escobar decise di chiedere al suo superiore di andare a vivere in Libano per festeggiare i 25 anni di sacerdozio. Scrisse addirittura una lettere a San Giovanni Paolo II per permettergli di chiedere di cambiare rito, passando a quello maronita; e ora si dichiara “bi-rituale”, vale a dire, può celebrare messa in latino, siriano e arabo.

Padre Darío è arrivato in Libano nel 1990 ed è entrato nel convento di San Antonio de Qozhaya, nella valle del Qadisha. Dopo aver fatto i voti ha dovuto aspettare un periodo di 10 anni per diventare eremita.

Nel suo eremo ci sono una cappella, una biblioteca, una scrivania con sopra un teschio, un piano cottura a gas ed una stanza-dormitorio. L’eremita non ha né cellulare, né televisione o internet.

In questa vita di silenzio, padre Darío non si annoia mai. Dedica quattordici ore al giorno alla preghiera , tre a coltivare il suo giardino, due a leggere la vita dei santi o studiare, e cinque a dormire su di un cilicio, con una pietra come cuscino, in una stretta cella non ventilata.

L’unica cosa che gli dà fastidio? Non potersi fare la barba o tagliarsi i capelli, pensate un pò!

Ma non è finita qui: Padre Darío è anche vegetariano, mangia solo ciò che coltiva, frutta, vegetali e radici e le consuma solo una volta al giorno. Nei periodo di gelata invece si fa portare dal convento vicino qualche razione di cibo.

Lascia il suo eremo solamente 4 volte l’anno, il giorno di Sant’Antonio per rinnovare i suoi vita e a Natale. Ma si dice molto triste ogni volta che deve lasciare le sue “grotte”.

Preghiamo per Padre Darío e per tutti gli eremiti della nostra Chiesa.

Commenti

commenti