Papa Francesco: “Gesù piange, su ognuno di noi quando noi viviamo il cristianesimo formalmente, non realmente.”

Papa Francesco a Santa Marta. Foto: Vatican Media

Spesso – anche per abitudine – noi “riduciamo il Vangelo a un fatto sociale, sociologico, e non a un rapporto personale con Gesù. Gesù parla a me, parla a te, parla a ognuno di noi. La predica di Gesù è per ognuno di noi. Come mai quei pagani che, appena sentono la predica di Gesù, vanno con lui, e io che sono nato, sono nata, qui, in una società cristiana, mi abituo, e il cristianesimo è come fosse un’abitudine sociale, una veste che ho indosso e poi la lascio? E Gesù piange, su ognuno di noi quando noi viviamo il cristianesimo formalmente, non realmente”. Lo ha detto il Papa nell’omelia della Messa mattutina a Santa Marta.

“Oggi – ha aggiunto il Papa secondo quanto diffuso da Vatican News – può essere per noi una giornata di esame di coscienza, con questo ritornello: guai a te, perché ti ho dato tanto, ho dato me stesso, ti ho scelto per essere cristiano, essere cristiana, e tu preferisci una vita a metà e metà, una vita superficiale: un po’ sì di cristianesimo e acqua benedetta ma niente di più. In realtà, quando si vive questa ipocrisia cristiana, quello che noi facciamo è cacciare via Gesù dal nostro cuore. Facciamo finta di averlo, ma lo abbiamo cacciato via. Siamo cristiani, fieri di essere cristiani, ma viviamo come pagani”.

Articolo pubblicato originalmente su ACI Stampa

Commenti

commenti