Quali sono gli Ordini Cavallereschi nella Chiesa Cattolica?

Per lungo tempo, dopo la dissoluzione dell’impero carolingio, la cavalleria era stata sinonimo di rapina e di saccheggio, ma lentamente si era formato in essa un rozzo ideale di prodezze militari.

Fu solo grazie all’opera educatrice della Chiesa che l’ideale del cavalierato divenne quello a cui ci riferiamo oggi: la difesa dei deboli. Inoltre, la Chiesa Cattolica ne elevò lo status mediante una consacrazione liturgica, che equiparava il cavaliere cristiano a un tipo militare-religioso ben definito.

I primi a promuovere e impersonare questo nuovo genere di figura cristiana furono gli Ordini Cavallereschi, i cui primi membri divennero monaci.

1) L’Ordine del Santo Sepolcro

E’ l’Ordine Cavalleresco più antico, istituito per la difesa del sepolcro di Cristo: nel 1103 Goffredo di Buglione ne affida l’incarico a a suo fratello Baldovino I.

L’ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme è uno dei due ordini cavallereschi riconosciuto ufficialmente dalla Santa Sede, assieme al Sovrano Ordine Militare di Malta. È un’istituzione laicale posta sotto la protezione della Santa Sede di cui fanno parte 30.000 membri.

In quanto istituzione pontificale essa è guidata dal Papa stesso e ha la missione di diffondere la pratica di vita cristiana e di ricerca della santità alle persone, oltre che ai suoi membri, e di aiutare le istituzioni della Chiesa Cattolica nel patriarcato Latino di Gerusalemme, che comprende i territori della Palestina, Giordania e Cipro. Inoltre una dei suoi punti cardine è quello di testimoniare la tomba vuota del Cristo Risorto al mondo.

2) Ordine dei Templari

Il più famoso di tutti. Fu fondato da alcuni cavalieri francesi verso il 1118 e che fu affiliato ai Canonici del Santo Sepolcro. Diventerà il più potente e famoso Ordine Cavalleresco durante il Medioevo Europeo. Il loro nome deriva dal fatto che essi vivevano a Gerusalemme presso il Tempio di Salomone. La loro missione era quella di difendere i cristiani di Gerusalemme, anche con la forza delle armi. I Cavalieri Templari osservavano la povertà. la castità e l’obbedienza, quindi erano riconosciuti come religiosi. La loro regola si richiamava a quella dei Canonici regolari, dei Benedettini e alle osservanze dei Cistercensi. Conseguentemente, sei assistevano l’Ufficio Divino, erano obbligati al digiuno e all’astinenza, e vestivano semplicemente in conformità con la loro vita militare.

3) I Giovanniti (Ordine dei Cavalieri di Malta)

Sorsero pure a Gerusalemme, nell’ospizio di San Giovanni, per la cura dei pellegrini malati. Essi seguivano la regola di Sant’Agostino e i loro membri provenivano dai chierici e dai laici. Osservavano i consigli evangelici della povertà, castità e obbedienza, e vivevano in comunità. Grazie alla perfetta organizzazione, l’ospedale divenne un modello anche per l’Occidente. La Regola rivela un amore genuinamente cristiano verso i poveri e i sofferenti, che erano considerati i padroni dei loro fratelli inservienti. Pù tardi, da Ordine ospedaliero, i Giovanniti divennero Ordine Cavalleresco. Si trasferirono prima a Rodi e successivamente  a Malta.

I Giovanniti è l’attuale Ordine dei Cavalieri di Malta.

4) L’Ordine Teutonico (Ordine dei Fratelli della Casa Ospitaliera di Santa Maria dei Teutonici in Gerusalemme)

Secondo un’antica tradizione, nel 1099, anno della presa di Gerusalemme, un cavaliere tedesco gravemente ferito durante i combattimenti sarebbe stato soccorso e curato da una coppia di pellegrini, anch’essi tedeschi, probabilmente mercanti provenienti da Brema o da Lubecca. I due pellegrini avrebbero deciso di continuare stabilmente in quell’attività caritativa, ricevendo l’approvazione del Patriarca di Gerusalemme, Stefano.

Da qui la nascita di un piccolo ospedale, affiancato da una foresteria, posti entrambi sotto la protezione della Vergine Maria, con lo scopo di dedicarsi in particolare, ma non solo, alla cura e al sollievo dei pellegrini tedeschi. Alla loro morte, attorno al 1118, i due pellegrini avrebbero lasciato in eredità tutto il patrimonio a beneficio di quel piccolo ospedale, in cui nel frattempo iniziarono a prestare la loro opera dei frati. Questo prese il nome di Ospedale di Santa Maria dei Tedeschi (o degli Alemanni o dei Teutonici) di Gerusalemme.

È il terzo dei grandi ordini monastico-cavallereschi nati dalle crociate. A differenza dei due ordini che lo avevano preceduto, i Templari e gli Ospedalieri, dei quali assimilò l’esperienza politico-amministrativa, imitandone anche l’abito, l’Ordine Teutonico ebbe fin da principio compatto carattere nazionale tedesco.

L’Ordine venne formalmente soppresso da Napoleone Bonaparte nel 1809 ma in seguito fu ripristinato dagli Asburgo. Venne riformato nel 1929 dalla Santa Sede che lo rese un ordine di canonici regolari per la cura d’anime e le opere di carità.

Seguici!

Commenti

commenti