Quanti Riti Esistono nella Chiesa Cattolica?

Instagram. @Franciscus

Che cos’è un Rito?

Un rito rappresenta una tradizione ecclesiastica che indica come dovrebbero essere celebrati i sacramenti. Ciascuno dei sacramenti ha come centro una natura essenziale, che deve essere rispettata affinché il sacramento abbia luogo.

Quando gli apostoli portarono il Vangelo ai maggiori centri culturali del loro tempo, le pratiche basilari di fede non facevano parte di quella cultura, l’essenziale veniva influenzato dai simboli e dagli ornamenti che comunicavano il significato culturale desiderato da quella particolare cultura.

Questo includeva i sacramenti.

Esistono tre principali gruppi di Riti, basati su questa trasmissione iniziale di fede: il romano, l’antiochiano (siriano) e l’alessandrino (egiziano).

Più avanti il rito bizantino si è trasformato in un Gruppo di Riti, provenienti dal rito di Antiochia, sotto l’influenza di San Basilio e di San Giovanni Crisostomo. Da questi quattro gruppi principali derivano gli oltre 20 riti liturgici presenti oggi nella Chiesa Cattolica.

La Chiesa di Cristo è anche pienamente e sacramentalmente presente nelle Chiese rituali che rappresentano una tradizione ecclesiastica, che celebra i sacramenti e che sono organizzati sotto un Patriarca, che insieme al Vescovo e agli altri sacerdoti della Chiesa rituale rappresentano Cristo, la testa, per le persone appartenenti a quella tradizione. In alcuni casi il rito coincide completamente con una Chiesa.

Ad esempio la Chiesa Maronita ha un rito che non esiste in nessun’altra chiesa. In quello bizantino, diverse chiese usano lo stesso rito liturgico. Nella Chiesa Cattolica Ucraina si utilizza il rito bizantino, ma questo rito può trovarsi anche in altre chiese cattoliche, così come nelle chiese ortodosse orientali che non sono in unione con Roma.

Infine, la Chiesa di Cristo è sacramentalmente presente nella Chiesa Cattolica (universale) dispersa in tutto i mondo e unita al Sommo Pastore della Chiesa di Cristo, il Vescovo di Roma.

Per essere cattolici, le Chiese particolari e le Chiese di rito devono essere in comunione con il Successore di Pietro.

Rito Romano o Latino

La Chiesa di Roma è la casa del primate del mondo e la sede patriarcale dei cristiani occidentali.  Come abbiamo detto ha mantenutoo un’esistenza continua da San Pietro e è la fonte di una famiglia di Riti in Occidente. Sebbene l’origine dell’attuale Rito, anche nella riforma del Concilio Vaticano II, possa essere rintracciata solo fino al IV secolo, questi collegamenti indicano un’antica tradizione apostolica, portata in queste città e che traggono la loro origine dalla religione ebraica.

Rito Romano – La stragrande maggioranza dei cattolici latini e dei cattolici in generale. Patriarca di queste e altri riti romani è il vescovo di Roma.

Rito Ambrosiano – Il rito dell’Arcidiocesi di Milano, anche se di origini antiche e probabilmente consolidato ma non originato da Sant’Ambrogio. Papa Paolo VI faceva parte di questo rito romano. Continua ad essere celebrato a Milano, ma non in tutte le parrocchie.

Riti Orientali

©4.bp.blogspot.com

Questi hanno una loro gerarchia diversa da quella del rito latino, sistema di governo (sinodi) e come legge generale, il codice di diritto canonico delle Chiese Orientali. Il Sommo Pontefice esercita la sua autorità su di loro attraverso la Congregazione delle Chiese Orientali.

La Chiesa di Antioquia in Siria è considerata una sede apostolica in virtù del fatto di essere stata fondata da San Pietro. Era uno dei centri antichi della Chiesa, secondo il Nuovo Testamento, ed è la fonte di una serie di riti simili che usano l’antica lingua siriana (il semitico che è un dialetto usato nel tempo di Gesù e meglio conosciuto come aramaico). La liturgia è attribuita a San Giacomo e alla Chiesa di Gerusalemme.

Rito Siro-Orientale

Maronita

Mai separatosi da Roma, il patriarca Maronita è di Antioquia. Il suo linguaggio liturgico è aramaico. I 3 milioni di maroniti si trovano in Libano (origine), Cipro, Egitto, Siria, Israele, Canada, Stati Uniti, Messico, Brasile, Argentina e Australia.

Siriano

I cattolici siriani tornati da Roma nel 1781 dall’eresia monofisita. Il patriarca siriano è di Antioquia. I 110.000 cattolici siriani si trovano in Siria, Libano, Iraq, Egitto, Canada e Stati Uniti.

Malankarese

Cattolici dell’India del Sud, evangelizzati da San Tommaso utilizzano la liturgia siriana orientale. Si unirono nuovamente a Roma nel 1930. Le lingue liturgiche oggi sono siriani orientali e malayalam. I 350.000 cattolici malankarese si trovano in India e nel Nord America.

Rito Siriano-Occidentale

Caldeo 

I cattolici di Babilonia ritornarono a Roma nel 1692, dall’eresia nestoriana. Il patriarca di Babilonia è dei caldei. Le lingue liturgiche sonoil Siriano e l’Arabo. I 310.000 cattolici caldei si trovano in Iraq, Iran, Siria, Libano, Egitto, Turchia e Stati Uniti.

Siro-Malabarese

I cattolici nell’India meridionale usano la liturgia siriana occidentale. Tornarono a Roma nel sedicesimo secolo dell’eresia nestoriana. Le lingue liturgiche sono Sirio e Malayalam. Più di 3 milioni di cattolici siro-malabaresi si possono trovare nello stato del Kerela, nel sud-ovest dell’India.

La Chiesa di Costantinopoli divenne il centro politico e religioso dell’Impero Romano d’Occidente, dopo l’imperatore Costantino costruito la città, una nuova capitale (324-330 dC) al posto della vecchia città bizantina. Costantinopoli sviluppò il proprio rito liturgico della liturgia di Santiago. Dopo il 1054, la maggior parte dei cristiani bizantini, non sono stati in comunione con Roma. chiese bizantine in comunione con Roma sono chiamate “Chiese Orientali Cattoliche” e ci sono diversi, tra cui: rito Albanese, il rito bulgaro, il rito greco, il rito melchita, il rito ungherese, il rito italiano-albanese, tra gli altri.

Rito Bizantino

Copyright: MosPat

La liturgia bizantina inizia con la preparazione dei doni del pane e del vino, questo è chiamato “Proskomedia”. Il pane è separato in una parte che sarà adeguatamente consacrata e in altre parti che saranno benedette e distribuite tra i fedeli. La liturgia inizia con una lode al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, seguita dalla “grande litania”. Seguono tre antifone e, secondo il tempio o il tempo liturgico, viene cantato il “trisagio”. Segue il rito dell’annuncio della Parola di Dio che viene eseguito con le canzoni secondo il tempo liturgico. Dopo l’omelia, procediamo con la liturgia eucaristica, ricevendo entrambe le specie, mescolate in un ciborio. L’Eucaristia è accolta solo in bocca.

Rito Alessandrino

©westminster-abbey.org

La Chiesa di Alessandria in Egitto era uno dei centri originali del cristianesimo, poiché Roma e Antiochia avevano una grande popolazione ebraica, che era l’obiettivo iniziale dell’evangelizzazione. La sua liturgia è attribuita a San Marco Evangelista e mostra la tarda influenza della liturgia bizantina, oltre ai suoi elementi unici. Solo due riti formano questo gruppo, i riti copti ed etiopici, che, nel corso della storia, non erano sempre in comunione con Roma. Ora lo sono, da un paio di secoli. Non ci sono molti fedeli in termini di numero, ma la loro fedeltà e permanenza assicurano la custodia di un tesoro spirituale per l’umanità che proviene dagli Apostoli.

 

Seguici!

Commenti

commenti