Un Sacerdote adotta un Bambino con Sindrome di Down abbandonato

Fr. Omar Sanchez Portill e Ismael

Un prete ha deciso di adottare un neonato con sindrome di Down.

 Il sacerdote è p. Omar Sanchez Portill, direttore della Asociación de las Bienaventuranzas (L’Associazione delle Beatitudini), situato nel distretto di Lurín a Lima, in Perù. Al suo 51 ° compleanno, Portill è stato contattato da un assistente sociale riguardo un bambino di due mesi con sindrome di Down che aveva bisogno di una casa. 

La madre del bambino,  una adolescente, non era in grado di prendersi cura di lui.

La madre di Ismael era una diciassettenne alcolizzata e schizofrenica proveniente da una città nel sud del Perù. 

“Si è recata in ospedale per partorire. Apparentemente ha avuto una gravidanza difficile, ha dato alla luce e ha lasciato il piccolo Ismael in ospedale. Il Dipartimento per le donne e le popolazioni vulnerabili conosce il nostro lavoro, il profilo dei bambini che accogliamo e ci ha chiamati per adottarlo. Ho accettato questa responsabilità da solo “, ha detto il prete.

“È arrivato in un giorno molto speciale, il 5 maggio, il mio compleanno, come un dono speciale di Dio nella mia vita sacerdotale, come la sua fecondità, come padre spirituale, come essere umano. È un dono molto particolare di Dio “, ha aggiunto. 

La Asociación de las Bienaventuranzas, fondata da Portill, accoglie e offre cure complete, nutrizione, assistenza sanitaria, vita sacramentale, per bambini, adolescenti e adulti che soffrono di disabilità fisiche o psichiatriche, che sono stati abbandonati nelle strade o in discariche o che vivono in condizioni di estrema povertà. La Asociación de las Bienaventuranzas accoglie circa 60 persone ogni anno e attualmente ospita 217 persone. Hanno anche una squadra di circa 80 laici che servono in questo lavoro di beneficenza. 

Delle persone che vivono lì, il 98% ha qualche disabilità, una diversa abilità, o una malattia psichiatrica o fisica. Abbiamo bambini ipovedenti, disabili multipli (ciechi, sordi, muti), bambini con sindrome di Down, disabilità intellettive, autismo, adulti e giovani con malattie mentali, raccolti per la strada “, ha detto il sacerdote. 

Fr. Portill è un grande ammiratore di Santa Teresa di Calcutta, dalla quale ha preso in prestito la frase: “Non abortire il bambino, dai il bambino a me” 

 Il sacerdote ha detto che coloro che criticano e accusano la Chiesa di non curarsi dei bambini abbandonati “sono inconsapevoli o lo fanno maliziosamente”, perché “il lavoro della Chiesa in tutte le circostanze è evidente”. 

“Queste persone sono un richiamo alla solidarietà, che porta gli altri ad aprire i loro cuori e ad essere distaccati, è un tesoro di cui il mondo non può fare a meno. Ci aiutano a uscire da noi stessi “, ha aggiunto.

Seguici!

Commenti

commenti