7 Lezioni sulla Conversione di Shia LaBeouf

Credit Kevin Mazur / Getty Images

Ami ChurchPOP?

Ricevi i nostri contenuti GRATIS ogni giorno sulla tua mail!

C’è molto che possiamo imparare da come Dio ha condotto il famoso attore al pentimento e alla fede. Ecco 7 Lezioni sulla Conversione di Shia LaBeouf!

Nell’intervista video con il Vescovo Robert Barron l’attore non solo ha annunciato la sua conversione, ma ha descritto in modo avvincente i passaggi di quello che chiama il suo “viaggio salvifico”.

1. La Vita di un Cattolico è “Full Immersion”

LaBeouf è stato attratto dal fatto che la vita cattolica sia “full immersion”. Implica ragione, volontà e sentimenti. Cercava l’integrità e, con sua sorpresa, l’ha trovata proprio qui.

2. La Fraternità

Bramava un senso di connessione e l’ha trovato con i cappuccini. La loro fraternità accogliente, semplice e sincera – per non parlare delle risate, dei gelati e dei gatti – l’ha attirato tanto.

3. Il Fascino della Santa Messa

Poi è rimasto affascinato dalla Messa, in particolare da quella in latino. Quando ha scoperto di essere stato battezzato da uno zio e i cappuccini gli hanno permesso di iniziare a ricevere la Comunione, ha detto che poteva quasi sentire l’effetto fisico e la rigenerazione del partecipare alla morte e risurrezione di Cristo.

4. La Speranza dei Santi Convertiti

Si è commosso conoscendo i grandi convertiti che l’hanno preceduto. Ha parlato dell’impatto di Sant’Agostino e di San Francesco d’Assisi.

5. La Funzione della Preghiera

All’inizio pregare era come “memorizzare le parole di qualcun altro”. Ma quando un fratello cappuccino e il Vescovo Barron gli hanno spiegato come gestire la quiete e passare dal silenzio ai pensieri e alle azioni amorevoli, tutto è cambiato.

6. La Scoperta del proprio Scopo nella vita

Poi aveva bisogno di avere uno “scopo” nella vita, ciò che i cattolici normalmente chiamerebbero vocazione. Un cappuccino gli ha insegnato che il discernimento avviene scoprendo i talenti che Dio ti ha dato e determinando come puoi usarli per aiutare gli altri.

7. Il Significato redentore della Sofferenza

Pensava che la sofferenza che aveva sopportato e causato fino ad allora fosse “inutile”. Un cappuccino l’ha aiutato a vedere come “la sofferenza sia in realtà un dono”.

Rendiamo grazie a Dio per la Conversione di LaBeouf!

Approfondimento:

ncregister.com (Fonte)

L’Attore Shia LaBeouf da Transformers a Padre Pio

Commenti

commenti

Nell'ambito di questo servizio gratuito, potrete ricevere occasionalmente delle nostre offerte da parte di EWTN News ed EWTN. Non commercializzeremo ne affitteremo le vostre informazioni a terzi e potrete disiscrivervi in qualsiasi momento.