Coronavirus: le suore polacche lo affrontano a ritmo di rap

Photo faustyna.pl
Le suore del Santuario della Divina Misericordia di Cracovia, in Polonia, si sono messe in gioco accettando la “Hot16Challenge”, una sfida promossa da diversi rapper del paese. Questo per raccogliere fondi destinati al personale medico che affronta quotidianamente il virus.

Durante la pandemia di coronavirus gli artisti sono stati fortemente mobilitati. In Polonia, diversi rapper hanno lanciato la “Hot16Challenge” su YouTube, una sfida rap di 16 versi alla quale hanno partecipato anche alcune suore che vivono accanto al grande santuario di Cracovia.

Coronavirus: le suore polacche lo affrontano a ritmo di rap

Una sorpresa inaspettata

Quando gli artisti rap polacchi hanno lanciato “Hot16Challenge” alla fine di aprile per raccogliere fondi per il personale medico, non si aspettavano che le sorelle religiose del loro paese avrebbero preso parte all’azione.

Invece, nel giro di un mese, mentre le aspiranti star del rap si scambiavano le nomination, i conventi a livello nazionale hanno cominciato a pubblicare video su YouTube.

Hanno partecipato all’iniziativa anche sacerdoti, seminaristi e persino alcuni vescovi polacchi, come il vescovo ausiliare di Elk, Mons. Adrián Galbas, e il vescovo di Zamosc-Lubaczow, Mons. Marian Rojek!

“Una grande opportunità per evangelizzare”

Utilizzando rime a tema religioso, le suore hanno fatto la loro parte! ”Quando si tratta di musica, non ci teniamo sempre aggiornate sulle ultime novità, ma siamo pronte a nuove prove quando arriva la chiamata “ ha raccontato suor Emanuela Gemza dell’Ordine della Madre della Divina Misericordia a Catholic News Service. 

“Ho subito capito che questa era una grande opportunità per evangelizzare, per mostrare in modo insolito come Dio si prende cura di noi. Penso che lo Spirito Santo ci abbia guidato a mettere insieme le parole e la melodia” ha confessato entusiasta.

Coronavirus: le suore polacche lo affrontano a ritmo di rap
Coronavirus: le suore polacche lo affrontano a ritmo di rap. Photo vidanuevadigital.com

Il rap “è davvero una forma d’arte”

Anche dall’altra parte della città, dietro l’apparentemente austera facciata dell’Ordine delle suore di presentazione, un trio di monache ha fatto imparare agli ascoltatori le proprie rime. Suor Wanda Putyra ha detto che lei e le sue sorelle sono state seguite dagli studenti della scuola dove insegnano, che gli hanno insegnato le tecniche rap.

“Come organista di chiesa, specializzata in Bach, di solito non faccio questo tipo di musica e per questo eravamo preoccupate di non ottenere il ritmo corretto” ha affermato suor Wanda al CNS. “Pensavo che il rap fosse piuttosto semplice, in realtà ho scoperto rapidamente che è davvero difficile. È davvero una forma d’arte, e ora rispettiamo tutti gli artisti che lo fanno!”

Una chiesa piena di gioia

“Nella nostra missione di proclamare il Vangelo, siamo aperte a ciò che il mondo contemporaneo richiede e spero che coloro che ci presentano come donne tristi e ritirate, ci ripensino”, ha affermato Suor Emanuela. 

“Il Santo Padre ci ha esortato ad essere una chiesa piena di gioia e sono lieta che abbiamo trovato un modo per dimostrarlo” ha concluso.

Approfondimento:

Catholic News Service (Fonte)

Queste Suore in Vietnam si sono Inventate la Processione in Motorino

Video virale: la “Cup Song” fa da base alla “Preghiera di San Francesco”

Commenti

commenti