Cosa ha visto il Vescovo Castellucci al suo primo esorcismo

Per -
Photo Unsplash

Ami ChurchPOP?

Ricevi i nostri contenuti GRATIS ogni giorno sulla tua mail!

Ecco cosa ha visto il Vescovo Castellucci al suo primo esorcismo! A chi pensa che il diavolo non sia reale risponde: “si sbagliano”.

“Basta assistere ad un esorcismo per capire che il male è un’entità specifica, oltre che una realtà”, ha raccontato al quotidiano Il Resto del Carlino. L’arcivescovo di Modena-Nonantola ha visto indemoniati da una la vita, ma all’epoca non aveva mai assistito ad un esorcismo. Un giorno uno dei due sacerdoti esorcisti della sua arcidiocesi lo ha chiamato. Il sacerdote aveva tra le mani “un caso difficile” e, dopo aver fatto visita all’arcivescovo, l’ha invitato ad assistere al rito.

Cosa ha visto il Vescovo Castellucci al suo primo esorcismo

“’Vieni’, mi ha detto, ‘perché quest’uomo è posseduto da molto tempo, viene da me una volta alla settimana e la vostra presenza, come Vescovo, può avere un’influenza’”, ha raccontato l’arcivescovo. Monsignor Castellucci ha detto di aver compreso l’urgenza del caso quando ha visto come l’impossessato ha reagito all’esorcismo.

Era il 3 luglio 2015, e l’arcivescovo Castellucci si è recato in una chiesa parrocchiale di Modena dove vengono eseguiti esorcismi. C’erano l’esorcista e l’indemoniato, un uomo di mezza età. Era appena entrato quando l’indemoniato ha cominciato a gridare: “Vattene, esci di qui, farai una brutta fine”. L’uomo è poi caduto in trance. “Poi mi è sembrato che si fosse svegliato e in un attimo mi ha conficcato le unghie nel dorso delle mani”, ha proseguito Mons. Castellucci. “Aveva uno sguardo diabolico e pronunciava insulti e maledizioni irripetibili”. L’uomo “mi ha detto che sarei morto in un incidente stradale e mentre lo diceva sembrava contento”.

L’arcivescovo Castellucci ha riflettuto sull’affermazione e si è detto: “La mia vita è nelle mani del Signore Gesù e certamente non in quelle quel demonio. Non ero affatto preoccupato. La parola di Dio insegna che le maledizioni sono inefficaci”.

L’arcivescovo Castellucci ha inoltre affermato che il discernimento è importante per quanto riguarda i presunti casi di possessione: molti appartengono più alla “competenza di uno psichiatra che di un esorcista”.

Cosa ha visto il Vescovo Castellucci al suo primo esorcismo

Approfondimento:

catholicnewsagency.com (Fonte)

Le 4 “Armi Spirituali” per affrontare il demonio: Elmo, Armatura, Spada e Scudo

Commenti

commenti

Nell'ambito di questo servizio gratuito, potrete ricevere occasionalmente delle nostre offerte da parte di EWTN News ed EWTN. Non commercializzeremo ne affitteremo le vostre informazioni a terzi e potrete disiscrivervi in qualsiasi momento.