Perché Papa Francesco indossava una Croce Pettorale diversa in Bahrain?

Credit Vatican Media

Ami ChurchPOP?

Ricevi i nostri contenuti GRATIS ogni giorno sulla tua mail!

Perché Papa Francesco indossava una Croce Pettorale diversa in Bahrain? Durante l’Incontro Ecumenico svoltosi il terzo giorno, il Santo Padre è apparso con una curiosa croce, differente da quella che porta abitualmente al collo.

Anche se non è la prima volta che Francesco appare con questa croce , sono molte le domande che sono sorte attorno ad essa.

La Crux Pectoralis

La cosiddetta “Croce Pettorale”(in latino Crux Pectoralis) è il nome del Crocifisso che fa parte dell’abbigliamento caratteristico dei Pontefici; sebbene possa essere indossato anche da Cardinali, Vescovi e altri Prelati autorizzati a portare le insegne pontificie.

Papa Innocenzo III è stato il primo a citare la Croce Pettorale come parte degli ornamenti pontifici, e il suo uso si è consolidato verso la fine del Medioevo. Francesco non ha voluto indossare il Crocifisso dorato incastonato di pietre preziose come avevano fatto i suoi predecessori, optando invece per uno più semplice che già indossava da Vescovo. La sua Croce d’argento è conosciuta come “Cruz del Buen Pastor”.

Perché Papa Francesco indossava una Croce Pettorale diversa in Bahrain?

La croce d’avorio che Papa Francesco ha indossato durante l’Incontro Ecumenico in Bahrain si chiama Croce “Encolpion” ed è la Croce Pettorale usata dagli ortodossi. Il Santo Padre l’ha indossata per la prima volta un anno fa, il 7 ottobre 2021, durante la preghiera ecumenica che si è svolta al Colosseo. Questa croce gli è stata donata dal Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I.

Approfondimento:

Aciprensa (Fonte)

Che differenza c’è tra un Monsignore, un Vescovo e un Cardinale?

Commenti

commenti

Nell'ambito di questo servizio gratuito, potrete ricevere occasionalmente delle nostre offerte da parte di EWTN News ed EWTN. Non commercializzeremo ne affitteremo le vostre informazioni a terzi e potrete disiscrivervi in qualsiasi momento.