Riflessione sul Natale di Papa Francesco

Photo Marissa Daeger on Unsplash

Il Pontefice pochi giorni fa ha affermato “ci aiuti anche, questa difficoltà, a purificare un po’ il modo di vivere il Natale, di festeggiare, uscendo dal consumismo: che sia più religioso, più autentico, più vero”. Ecco un’altra Riflessione sul Natale di Papa Francesco:

Riflessione sul Natale di Papa Francesco

Il Natale di solito è una festa rumorosa:
ci farebbe bene un po’ di silenzio per ascoltare la voce dell’Amore.

Natale sei tu, quando decidi di nascere di nuovo ogni giorno
e lasciare entrare Dio nella tua anima.

L’albero di Natale sei tu quando resisti vigoroso ai venti e alle difficoltà della vita.

Gli addobbi di Natale sei tu quando le tue virtù sono i colori che adornano la tua vita.

La campana di Natale sei tu quando chiami, congreghi e cerchi di unire.

Sei anche luce di Natale quando illumini con la tua vita
il cammino degli altri con la bontà, la pazienza, l’allegria e la generosità.

Gli angeli di Natale sei tu quando canti al mondo
un messaggio di pace, di giustizia e di amore.

La stella di Natale sei tu quando conduci qualcuno all’incontro con il Signore.

Sei anche i re magi quando dai il meglio che hai senza tenere conto a chi lo dai.

La musica di Natale sei tu quando conquisti l’armonia dentro di te.

Il regalo di Natale sei tu quando sei un vero amico e fratello di tutti gli esseri umani.

Gli auguri di Natale sei tu quando perdoni e ristabilisci la pace anche quando soffri.

Il cenone di Natale sei tu quando sazi di pane e di speranza
il povero che ti sta di fianco.

Tu sei la notte di Natale quando umile e cosciente ricevi nel silenzio della notte il Salvatore del mondo senza rumori né grandi celebrazioni; tu sei sorriso di confidenza e tenerezza nella pace interiore di un Natale perenne che stabilisce il regno dentro di te.

Un buon Natale a tutti coloro che assomigliano al Natale.

Riflessione sul Natale di Papa Francesco

Approfondimento:

ilfilo.net (Fonte)

A Natale potremo avvistare la “Stella di Betlemme”

Commenti

commenti