San Leopoldo confessore e patrono dei malati di tumore

Photo Wikipedia

Ami ChurchPOP?

Ricevi i nostri contenuti GRATIS ogni giorno sulla tua mail!

San Leopoldo confessore e patrono dei malati di tumore. Padre Mandic (1866-1942) è un santo molto famoso, ecco la sua storia:

I primi spostamenti di Padre Leopoldo

Padre Leopoldo Mandic, da tutti conosciuto come il confessore santo, nasce a Castelnuovo Cattaro, in Montenegro. A 16 anni entra nella Provincia veneta dei frati cappuccini e viene ordinato sacerdote nel 1890.

Ai suoi superiori chiede di esser inviato missionario nella sua terra con lo scopo di riavvicinare i cristiani orientali ed occidentali. Sarà mandato nei conventi di Zara e di Capodistria. Tuttavia la Prima guerra mondiale (1915-1918) lo riporterà presto a Padova. 

La sua aspettativa più grande, ovvero essere missionario, sembra finire qui. Ma è proprio in questo momento che comprende che essere missionario è anche guardare le anime e riportarle a Cristo. Per questo spenderà interamente la sua esistenza nel confessionale.

Padre Leopoldo e il confessionale

Lui, un piccolo frate alto appena 1 metro e 35 centimetri, trascorre oltre dieci ore nel confessionale. Non si risparmia mai. Ha una salute fragile e non ha una grande fisicità, ma la sua maestosità la si intravede nello sguardo. Il suo cuore è la porta sempre aperta del Padre che cerca lo sguardo del figlio prodigo, e del pastore che va in cerca della pecorella smarrita.

Padre Leopoldo, con il suo insegnamento, ci ha lasciato un grande testamento: saper comprendente l’amore del Padre per l’uomo. 

La preghiera e la penitenza

Religioso di profonda preghiera e grande penitenza spesso trascorreva la notte in preghiera ed arricchiva questa con digiuni e penitenze. Aveva differenti doni: dal saper scrutare il cuore alla profezia, ma soprattutto sapeva amare. E questo si impara ai piedi della Croce di Cristo. Arricchiva poi la sua vita spirituale con la lettura e la costante meditazione. 

La testimonianza

Un sacerdote che si confessò da lui ricordò che quel sacramento era amministrato in pochi minuti nella cella-confessionale: poche parole ma molto amore. A chiunque chiedeva di essere confessato Lui rispondeva: Eccomi, e scendeva. Alle volte doveva interrompere il già frugale pasto, per poter assolvere a questo incarico.

San Leopoldo confessore e patrono dei malati di tumore

Approfondimento:

AciStampa (Fonte)

Padre Ungaro, il “frate dei poveri” che ha Incontrato 6 Santi nella sua Vita!

Commenti

commenti

Nell'ambito di questo servizio gratuito, potrete ricevere occasionalmente delle nostre offerte da parte di EWTN News ed EWTN. Non commercializzeremo ne affitteremo le vostre informazioni a terzi e potrete disiscrivervi in qualsiasi momento.