Un bambino di 6 anni ha protetto dall’attacco di un cane sua sorella minore

Photo Instagram @nicolenoelwalker

Bridger, un bambino di 6 anni, ha protetto dall’attacco di un cane sua sorella minore. L’aggressione che ha subito gli è costata un intervento chirurgico e 90 punti sul viso.

Alla domanda di suo padre sul perché avesse intrapreso una simile azione, Bridger ha risposto senza esitazione: “Se qualcuno doveva morire, ho pensato che quel qualcuno dovessi essere io” .

Inizialmente, la storia è stata resa pubblica dalla zia del ragazzo, nel tentativo di raggiungere i supereroi preferiti di Bridger, e quindi farlo sentire meglio durante la sua guarigione.

E ha funzionato! L’attore Chris Evans, che interpreta Captain America, ha inviato un video elogiando l’azione eroica del ragazzo e gli ha promesso un vero scudo del suo personaggio sul grande schermo. 

Anche l’attore Tom Holland, che interpreta Spider-Man, ha contattato il bambino con una videochiamata e ha colto l’occasione per invitarlo alla registrazione del prossimo film.

L’atto coraggioso di Bridger nell’ultima settimana ha fatto il giro del mondo attraverso i social network! Sorpresi dalla ripercussione del caso, Robert e Teila Walker, i genitori del ragazzo, hanno scritto una lettera che non solo spiega l’accaduto, ma dimostra che oltre all’atto di altruismo, c’è un bambino virtuoso e una famiglia di fede.

La lettera scritta dai genitori

I Walker sono una famiglia cristiana che ha vissuto, anche la pandemia, riunendosi ogni giorno per parlare della giornata, dei risultati di ciascuno dei propri figli e per leggere la Bibbia.

Il 9 luglio, Bridger e sua sorella erano nel cortile della casa di un amico, quando un cane li ha raggiunti. “Sono subito corso davanti a mia sorella in modo che il cane non potesse attaccarla. Poi ho iniziato a correre per non farmi prendere” ha raccontato il bimbo.

Tuttavia il cane l’ha raggiunto e gli ha morso la guancia. Bridger ha spiegato che quando è stato morso, ha gridato a sua sorella di correre. E quando il cane l’ha lasciato andare, è corso da lei per portarla in un posto sicuro.

All’ospedale, dopo aver spiegato al dottore cosa fosse successo e quale fosse stata la reazione del figlio, il padre ha chiesto a Bridger cosa gli avesse fatto fare tutto questo. Bridger ha risposto senza esitazione: “Se qualcuno doveva morire, ho pensato che quel qualcuno dovessi essere io” .

Il ragazzo ha poi mostrato molta premura anche nei confronti dell’animale. “Non voglio che accada nulla di brutto al cane, lo uccideranno?” ha domandato.

L’invito alla beneficenza

I genitori hanno spiegato che non hanno intenzione di chiedere soldi, ma hanno suggerito a tutti coloro che hanno disponibilità, di fare una donazione a una delle tre istituzioni che hanno menzionato. La prima cerca di prevenire i casi di suicidio, la seconda assiste i soldati veterani, la terza lotta contro la tratta della sessualità infantile.

Un bambino di 6 anni ha protetto dall’attacco di un cane sua sorella minore

“Possiamo seguire l’esempio di Bridger, vedere il mondo come bambini e portare la pace nelle nostre case, comunità, stati e paesi” hanno concluso i genitori.

Approfondimento:

Instagram @nicolenoelwalker (Fonte)

“I Cani del Signore” Il curioso caso del Cane Domenicano

Commenti

commenti