Un bambino di 6 anni ha protetto dall’attacco di un cane sua sorella minore

Photo Instagram @nicolenoelwalker

Ami ChurchPOP?

Ricevi i nostri contenuti GRATIS ogni giorno sulla tua mail!

Bridger, un bambino di 6 anni, ha protetto dall’attacco di un cane sua sorella minore. L’aggressione che ha subito gli è costata un intervento chirurgico e 90 punti sul viso.

Alla domanda di suo padre sul perché avesse intrapreso una simile azione, Bridger ha risposto senza esitazione: “Se qualcuno doveva morire, ho pensato che quel qualcuno dovessi essere io” .

Inizialmente, la storia è stata resa pubblica dalla zia del ragazzo, nel tentativo di raggiungere i supereroi preferiti di Bridger, e quindi farlo sentire meglio durante la sua guarigione.

E ha funzionato! L’attore Chris Evans, che interpreta Captain America, ha inviato un video elogiando l’azione eroica del ragazzo e gli ha promesso un vero scudo del suo personaggio sul grande schermo. 

Anche l’attore Tom Holland, che interpreta Spider-Man, ha contattato il bambino con una videochiamata e ha colto l’occasione per invitarlo alla registrazione del prossimo film.

L’atto coraggioso di Bridger nell’ultima settimana ha fatto il giro del mondo attraverso i social network! Sorpresi dalla ripercussione del caso, Robert e Teila Walker, i genitori del ragazzo, hanno scritto una lettera che non solo spiega l’accaduto, ma dimostra che oltre all’atto di altruismo, c’è un bambino virtuoso e una famiglia di fede.

La lettera scritta dai genitori

I Walker sono una famiglia cristiana che ha vissuto, anche la pandemia, riunendosi ogni giorno per parlare della giornata, dei risultati di ciascuno dei propri figli e per leggere la Bibbia.

Il 9 luglio, Bridger e sua sorella erano nel cortile della casa di un amico, quando un cane li ha raggiunti. “Sono subito corso davanti a mia sorella in modo che il cane non potesse attaccarla. Poi ho iniziato a correre per non farmi prendere” ha raccontato il bimbo.

Tuttavia il cane l’ha raggiunto e gli ha morso la guancia. Bridger ha spiegato che quando è stato morso, ha gridato a sua sorella di correre. E quando il cane l’ha lasciato andare, è corso da lei per portarla in un posto sicuro.

All’ospedale, dopo aver spiegato al dottore cosa fosse successo e quale fosse stata la reazione del figlio, il padre ha chiesto a Bridger cosa gli avesse fatto fare tutto questo. Bridger ha risposto senza esitazione: “Se qualcuno doveva morire, ho pensato che quel qualcuno dovessi essere io” .

Il ragazzo ha poi mostrato molta premura anche nei confronti dell’animale. “Non voglio che accada nulla di brutto al cane, lo uccideranno?” ha domandato.

L’invito alla beneficenza

I genitori hanno spiegato che non hanno intenzione di chiedere soldi, ma hanno suggerito a tutti coloro che hanno disponibilità, di fare una donazione a una delle tre istituzioni che hanno menzionato. La prima cerca di prevenire i casi di suicidio, la seconda assiste i soldati veterani, la terza lotta contro la tratta della sessualità infantile.

Un bambino di 6 anni ha protetto dall’attacco di un cane sua sorella minore

“Possiamo seguire l’esempio di Bridger, vedere il mondo come bambini e portare la pace nelle nostre case, comunità, stati e paesi” hanno concluso i genitori.

Approfondimento:

Instagram @nicolenoelwalker (Fonte)

“I Cani del Signore” Il curioso caso del Cane Domenicano

Commenti

commenti

Nell'ambito di questo servizio gratuito, potrete ricevere occasionalmente delle nostre offerte da parte di EWTN News ed EWTN. Non commercializzeremo ne affitteremo le vostre informazioni a terzi e potrete disiscrivervi in qualsiasi momento.