Don Luigi Maria Epicoco e “L’Inutilità dei Preti”

Photo Cathopic

Ami ChurchPOP?

Ricevi i nostri contenuti GRATIS ogni giorno sulla tua mail!

Don Luigi Maria Epicoco e “L’Inutilità dei Preti”. Ecco il monologo del Sacerdote avrebbe dovuto essere letto a Sanremo da Don Massimo, alias Raul Bova, che prenderà il posto di Don Matteo su Rai1. 

Alla fine il monologo è stato letto alla radio RTL 102.5 durante il programma “Non Stop News”, con Giusi Legrenzi, Enrico Galletti e Massimo Lo Nigro, che aveva per l’occasione Luca Bernabei, l’Amministratore Delegato di Lux Vide, come ospite.

Don Luigi Maria Epicoco e “L’Inutilità dei Preti”

La gente pensa che fare il prete sia un mestiere. Uno che magari si sveglia la mattina ed è convinto di poter mettere su una bancarella per vendere parole, benedizioni, e santini.

Uno pensa che basta mettersi una tonaca e la magia è fatta. Ma la tonaca non funziona se sotto non c’è un uomo, un uomo che sa che è il più miserabile di tutti, eppure è stato scelto.

È difficile accettare il peso di quella tonaca che oggi appare più inzozzata dal tradimento di chi avrebbe dovuto amare e invece se n’è solo servito.

Ma poco importa, bisogna caricarsi anche sulle spalle l’infamia degli altri. Non si diventa preti per essere benvisti. Si diventa preti per essere servi inutili, Servi gratuiti.

L’amore salva solo se è gratuito. È questo lo scopo di ogni vero amore: amare senza contraccambio. Amare a fondo perduto. Amare e basta.

Chi ti ama non ti dice che non soffrirai mai, che non sbaglierai mai, che non avrai mai paura, ma ti dice che tu puoi vivere tutto, accettare tutto, affrontare tutto. E te lo dice perché è con te.

Fare il prete non è un mestiere, è un modo inutile di amare. Inutile come ogni amore. Inutile come l’aria.

Approfondimento:

RTL 102.5 (Fonte)

Commenti

commenti

Nell'ambito di questo servizio gratuito, potrete ricevere occasionalmente delle nostre offerte da parte di EWTN News ed EWTN. Non commercializzeremo ne affitteremo le vostre informazioni a terzi e potrete disiscrivervi in qualsiasi momento.